Malattie Apparato Digerente

Che cosa sono le malattie dell’apparato digerente

Anche il gruppo di tali patologie è vasto e poliedrico. In grande crescita risultano i due gruppi esaminati, la malattia da reflusso gastro-esofageo (MRGE) e l’insieme delle coliti. Stile di vita, scelte alimentari, qualità dei  nutrienti, impattano grandemente sul nostro apparato digerenti, deputato al discernimento tra ciò che serve, nutre, e ciò che nuoce, intossica. Ai differenti livelli di controllo i meccanismi difensivi e di regolazione documentano lo stato di infiammazione, deficit, scompenso, del nostro sistema omeostatico, indicando la necessità di supporto e cambiamento.

Che cos’e’ la Malattia da reflusso gastro-esofageo (MRGE)?

La malattia da reflusso gastroesofageo è l’anomala cronica risalita in esofago del contenuto acido dello stomaco. La causa è il malfunzionamento della giunzione cardiale, tra esofageo e stomaco, deputata a impedire la risalita del cibo presente nello stomaco. Il delicato meccanismo di tale giunzione dipende fa alcuni fattori cardine: 

  • la differenza di pressione tra torace  e addome 
  • il tono e la motilità delle pareti esofago-gastriche
  • l’impatto di qualità e quantità di alimenti

Ciò spiega l’impatto di obesità, fumo, alcool, gravidanza, ernia iatale, asma, il consumo di cibi grassi, l’assunzione di ansioliticianticolinergici, lo stress.
I sintomi sono bruciore di stomaco, rigurgiti acidi, mal di golaraucedinedolore al petto, disfagia, alitosi, tosse.

    Necessità’ e bisogni per chi soffre di MRGE

    La MRGE può influenzare molto la qualità di vita della persona. L’impatto sull’alimentazione con le sue valenze psichiche, sul respiro, sulla parola, sul riposo notturno rappresentano alcuni degli ambiti più importanti.

    Malattie da reflusso gastro-esofageo:
    Strumenti specifici di cura

    Il mutamento di stile di vita sui citati fattori costituisce il centro dell’intervento di cura. Sarebbe però ingenuo e poco intelligente ritenere la pura informazione data al soggetto chiave per il cambiamento. La motivazione a prendersi cura di sé, modificando abitudini, stili di comportamento, dipendenze fisiche e psichiche, è tutta da far emergere, a sostegno di un grande lavoro. A partire dall’ascolto della persona, occorre toccare le corde di rispetto, fiducia, riconoscimento di sé. I canali per attivare queste energie sono molteplici: sostegno psicologico, training del respiro, yoga, Tai Chi, intervento nutrizionale, e ciò che più risulta soggettivamente affine.

    Che cosa e’ la Colite?

    La colite è un’infiammazione del rivestimento interno del colon. Le coliti vengono classificate in base a ciò che le causa. I seguenti sono solo alcuni dei tipi di colite esistenti:

    • Colite ulcerosa e morbo di Crohn: due tipi di colite classificati sotto l’etichetta di malattia infiammatoria intestinale (MII). La colite ulcerosa si verifica quando il sistema immunitario reagisce in modo eccessivo ai batteri presenti nel tratto digestivo. Inizia nel retto e si diffonde al colon.
    • Colite pseudomembranosa: questo tipo di colite si verifica a causa dell’eccessiva proliferazione di un batterio noto come Clostridium difficile. Normalmente, tale batterio, che in genere vive nell’intestino, non causa problemi in virtù della presenza di batteri buoni, che ne compensano la presenza. Il Clostridium difficile prende il sopravvento quando i farmaci, per esempio gli antibiotici, distruggono i batteri buoni. Le tossine rilasciate provocano infiammazione

    La Colite spastica o colon irritabile  differentemente di casi citati non si accompagna a specifica infiammazione della mucosa, quanto ad un’alternanza della velocità di transito intestinale con fasi diarroiche e stipsi. In questo caso la genesi psichica non arriva a determinare un danno macroscopico dei tessuti.

    I sintomi della malattia infiammatoria intestinale possono includere:

    • Diarrea
    • Dolori e crampi addominali
    • Sangue e muco anale:
    • Perdita di peso
    • Affaticamento

    Necessità’ e bisogni per chi soffre di Colite

    I quadri clinici molto diversi si differenziano per gravità dei sintomi e impatto invalidante. Una colite ulcerosa in fase acuta può determinare disabilità totale e in casi estremi la necessità di ospedalizzazione. La cronicità dei sintomi di una colite spastica può limitare la persona in alcune fasce orarie, nella riduzione di attività ed autonomia. In tutti i casi la connessione tra lo psichismo della persona è strettamente connesso alla sua risposta immunitaria, endocrina e neurogena.

    Colite: Strumenti specifici di cura

    Primitivo o secondario reattivo, l’assetto psichico della persona con malattia colitica è uno dei cardini dell’intervento di cura. Sostenere lo squilibrio neurormonale con la medicina integrata, con l’approccio nutrizionale personalizzato e modulato nelle differenti fasi di malattia,  attivare le energie creative del soggetto per trovare il proprio nuovo equilibrio tramite approcci di arteterapia sono le finalità di cura confezionate sulla specificità del malessere espresso da ogni singolo paziente.

    Resta in contatto con Niruàl e con te stesso

    Iscriviti alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato su cure e trattamenti del Centro di Cure Integrate. Riceverai letture, spunti, approfondimenti riguardanti le discipline trattate dai nostri esperti.

      Scopri Niruàl

      Accogliamo, valutiamo, orientiamo il paziente verso uno specifico approccio di cura o verso un programma di interventi integrato con più operatori. Ogni passo nasce da un attento ascolto della persona, delle sue manifestazioni (sintomi e segni) e dalla scelta condivisa del percorso utile e sostenibile per ogni soggetto.

      I nostri riferimenti

      Trovate i nostri studi in 
      Via Carlo Avegno, 15 a Varese.

      Scrivete a:
      info@nirual.it

      Per informazioni o prenotazioni chiamate il numero di telefono:
      +39 351 1953 663

      Gli orari

      dal lunedì al venerdì:
      09:00 - 13:00 | 14:00 - 19:00

      sabato:
      09:00 - 13:00

      domenica: Chiuso